Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

 

 

 

 

Testata



Accedi  \/ 

Collegati al tuo Account

TROPPA

TROPPA "RICHIESTA DI STATO"!

L’ultima settimana è stata caratterizzata da molteplici occasioni di “scontro” (ma, anche, di pregnanti riflessioni) sui rapporti tra la politica e la storia; tra la nostra società e tutto quello...

E' STATO UN ERRORE ENORME AVER RINNEGATO FINI ED AN...

E' STATO UN ERRORE ENORME AVER RINNEGATO FINI ED AN...

I fatti degli ultimi giorni hanno dimostrato quanto sia stato grave, da parte dell'attuale destra, l'aver rinnegato, sia il "lavoro" svolto negli anni da Gianfranco Fini (col M.S.I., prima, e con...

PIU' CHE CONTRASTARLO, IL CENTRODESTRA BISOGNEREBBE MIGLIORARLO...

PIU' CHE CONTRASTARLO, IL CENTRODESTRA BISOGNEREBBE MIGLIORARLO...

Gli accadimenti degli ultimi giorni, con tutte le contrapposizioni politiche che ne sono derivate, hanno dimostrato quanto sia necessaria una pregnante rivisitazione critica dei rapporti tra le...

UN SOGNO ANCORA POSSIBILE

UN SOGNO ANCORA POSSIBILE

(di Fausto Longo) - Qualcuno ci aveva regalato una Destra di Governo. Una destra conservatrice e futurista, progressista e sociale, pluralista ed europea. Qualcuno ci aveva regalato la...

PIU' CHE CONTRASTARLO, IL CENTRODESTRA BISOGNEREBBE MIGLIORARLO...

100256509-1e824cd7-cb46-469b-90dd-417a6e499780Gli accadimenti degli ultimi giorni, con tutte le contrapposizioni politiche che ne sono derivate, hanno dimostrato quanto sia necessaria una pregnante rivisitazione critica dei rapporti tra le attuali forze politiche, sia di destra che di sinistra, ed il passato (sia quale dato storico che in
termini di collegamento con le coeve forze estremiste), perché continuare a gridare che ci si “vergogna di Salvini e della Meloni” o dei politici che hanno sempre dato man forte ai Centri sociali non rappresenta, non significa e non sostanzia proprio nulla.

A fare la differenza, invero, saranno sempre i concetti e le idee; a fare la differenza saranno sempre le proposte politiche, e non ne vedo quasi nessuna in chi attacca quotidianamente gli “avventori di turno” senza alcunché propugnare dal punto di vista contenutistico.

Postare le “fotine con gli slogan” sarà anche una “cosa carina”, ma la politica è molto altro.

Una nuova classe dirigente dovrebbe (giorno per giorno e giorno dopo giorno) parlare, discutere ed affrontare le varie questioni via, via nascenti, e sia a livello nazionale che a livello locale, perché “a fare la politica” non saranno mai le mere affermazioni di principio, ma lo studio,
l’approfondimento e l’adozione delle conseguenti determinazioni, anche in termini di mera rappresentazione prospettica.

Non basta affermare di essere diversi e migliori: questa “diversità” e questa presunta “superiorità” contenutistica bisognerà dimostrarle, poi (senza contare che, il più delle volte, le “cose migliori” sono il frutto di scelte condivise e della necessaria armonizzazione tra le posizioni delle
varie parti, perché la “verità rivelata” non la possiederà mai nessuno!).

È vero che dopo la scomparsa di Alleanza Nazionale si è avuto una sorta di ripiegamento su posizioni “leggermente retrive”.

Basta continuare ad attaccarle puramente e semplicemente, però.

Si lavori “all’alternativa di contesto”, invece, perché quello che davvero manca è una proposta politica, una realtà politica capace di spingere l’attuale centrodestra su posizioni diverse su tutta una serie di questioni.

Una forza moderata, liberale, solidale, rispettosa della storia, desiderosa della modernità; consapevole del valore della sovranità nazionale ma anche delle sfide (e delle necessità) connesse alle interazioni sovranazionali.

Una forza capace di mettere al centro della propria azione “l’uomo” in quanto tale e senza distinzioni di sorta.

L’attuale centrodestra non va contrastato, ma “spinto” verso nuove sfide, verso nuove visioni e verso nuove avventure.

Manca "qualcosa”. Manca "qualcuno”. Manca la “forza” del caso… E si potrebbe provare a costruirla…

LogoV

Il "laboratorio" politico e sociale per una nuova stagione di idee...

Seguici anche su

facebook         twitter

Contatti

Acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.Lgs. 196/03