Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

 

 

 

 

Testata



Accedi  \/ 

Collegati al tuo Account

"PECORE" E "PECORONI"...

Diciamoci la verità: la battaglia culturale è stata persa ed anche il senso civico, oramai, non esiste proprio più... In giro, insomma, anche nei luoghi “chiusi”, anche nei bar, nei negozi di...

"BLA, BLA, BLA..."

E così, anche oggi, Giuseppe Conte ha consumato l’ennesima promozione elettorale, quella rigorosamente camuffata da conferenza stampa, da ennesimo “messaggio alla Nazione”. Personalmente, l’ho...

PER IL RESTO EVVIVA L'ITALIA, OVUNQUE E COMUNQUE...

PER IL RESTO EVVIVA L'ITALIA, OVUNQUE E COMUNQUE...

Oggi, a Codogno come a Roma, così come in diverse, altre città d’Italia, vuoi per commemorare la Repubblica, vuoi per protestare contro l’attuale esecutivo, si sono verificati assembramenti a...

SINTESI DA

SINTESI DA "MEZZE CALZETTE"!

Ieri, per l’Europa, e per tutti i Paesi che ne fanno parte, è stata una giornata “idealmente importante”. Per la prima volta nella storia dell’Unione, invero, si è ipotizzata un’applicazione...

CHE BRUTTA POLITICA!

11Nel bene e nel male, la storia si ripete! Al termine di una tornata elettorale le "dinamiche" sono sempre le stesse, insomma: chi vince si "batte il petto". Chi perde, "inventa favolette".

Quella conclusasi col voto di ieri, non è stata una bellissima campagna elettorale, anzi... I "leader" fanno sempre più fatica a comprendere che la "personalizzazione" della propaganda è deleteria, sia perché le persone, più che seguire un individuo, vorrebbero seguire le idee ed un progetto serio (magari la "più audace, la più originale e la più mediterranea delle idee"), sia perché, soprattutto in questa lunga fase politica così "fluida, confusa e superficiale", "non esistono più gli uomini per tutte le stagioni".

La Lega e Fratelli d'Italia hanno avuto un buon riscontro in termini di voti, ma la battaglia non l'hanno vinta, anzi. Le sinistre, grazie al decisivo contributo delle Sardine, hanno retto (ma a quale prezzo?). Forza Italia è quasi del tutto scomparsa...

Lo scenario è dei peggiori, insomma. Le sinistre non sono credibili ed hanno avuto soltanto il pregio di aver contrastato uno dei centrodestra più brutti della storia Repubblicana. Il "centro" è una mera illusione, proprio come una politica a trazione liberale (i grandi sconfitti, sia del novecento che del nuovo secolo). I grillini – e giustamente, mi sentirei di aggiungere – hanno subito una "sonora bastonatura".

Forse, l'epoca del sovranismo e del populismo, queste "scatole vuote" intrise soltanto di sterile propaganda al ribasso, è finita. E, forse, inizia a finire anche la fase della "politica fluida e liquida". Lo si spera, almeno. Perché un paese, per poter immaginare di averlo un futuro (e, possibilmente, prospero), non può basarsi sulla mera "programmazione contingente", ma ha l'obbligo - e la necessità! - di disegnare ed immaginare scenari complessi da dispiegare nel tempo (se un'azienda impiega anni per "portare a regime" un investimento, non si vede per quale ragione lo Stato possa prescindere dalle più elementare regole economiche, insomma). Ma per fare questo, occorrerebbe, da parte del popolo, l'intransigente rifiuto delle "politiche vuote" o di mera sopravvivenza, e da parte della classe politica, la capacità di saper andare oltre la mera demagogia.

Mi sovviene un ricordo scolastico. Un "piccolo quesito" che è stato - e che permane - alla base della Teoria Economica e delle successive ipotesi teoriche ad essa avverse e/o integrative (con tutte le varie speculazioni sulla prevalenza dell'effetto reddito o di quello "sostituzione", delle regole causali e del rapporto tra gruppi sperimentali e non): "i numeri ci raccontano la realtà per come essa è, o possono essere letti anche sulla scorta di altre variabili?" Io propendo per la seconda e, forse, sarebbe il caso che lo si facesse in tanti, perché il "politichese" al quale vorrebbero relegarci è soltanto per chi non ha talento, per chi non ha fame della conoscenza e per chi non ha l'umiltà per ricercare la verità. Ed io, di immaginare che possiamo fare meglio, non smetterò mai...

LogoV

Il "laboratorio" politico e sociale per una nuova stagione di idee...

Seguici anche su

facebook         twitter

Contatti

Acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.Lgs. 196/03