Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

 

 

 

 

Testata



Accedi  \/ 

Collegati al tuo Account

IO RICORDO!

IO RICORDO!

Domani, 10 febbraio sarà la giornata dedicata al ricordo dello sterminio delle Foibe... Ricordo ancora le immagini del film trasmesso dalla Rai l’anno scorso, immagini di violenza, di terrore, di...

LA RIFORMA DELLA VERGOGNA!

LA RIFORMA DELLA VERGOGNA!

È indegno quanto sta accadendo in seno alla maggioranza di governo in merito alla prescrizione ed alla riforma del processo penale... Pur di provare a riconquistare quote di consenso,...

CHE BRUTTA POLITICA!

CHE BRUTTA POLITICA!

Nel bene e nel male, la storia si ripete! Al termine di una tornata elettorale le "dinamiche" sono sempre le stesse, insomma: chi vince si "batte il petto". Chi perde, "inventa favolette". Quella...

SBAGLIARE E' UMANO...

SBAGLIARE E' UMANO...

Il gesto di Papa Francesco di qualche giorno fa, consumato innanzi alle telecamere di una piazza San Pietro gremita e diventato "virale" in tutto il mondo, ma anche le gesta e le varie...

SBAGLIARE E' UMANO...

Papa FrancescoIl gesto di Papa Francesco di qualche giorno fa, consumato innanzi alle telecamere di una Piazza San Pietro gremita e diventato "virale" in tutto il mondo, ma anche le gesta e le varie testimonianze offerte nel corso della storia da politici e personaggi pubblici, dimostra(no) che si tratta pur sempre di persone, coi loro pregi e coi loro difetti, e le persone possono sbagliare, perché in ogni essere umano c’è razionalità ma anche tanto istinto.

Puntare il dito è facile. Lo è un po meno cercare di capire... Ho visto e rivisto varie volte la scena dello schiaffo del Papa sulla mano della fedele.

Immagino la delusione ed il dolore della donna, ma anche il rammarico ed il dolore che avrà provato il Papa a mentre fredda.

La donna voleva toccare la mano del Papa. L’ha afferrata con veemenza e l’ha tirato a se rischiando di farlo cadere. Verosimilmente, più che l’emozione di aver comunque toccato il Sommo Pontefice, ricorderà la sua reazione dura, figlia del nervosismo del momento (non deve essere bello sentirsi prendere all’improvviso per la mano, “con forza” e fino al punto da rischiare di cadere). Non sarà facile nemmeno per il Pontefice dimenticarla, questa cosa...

La vita è sempre uno spettacolo ricco di sfumature. "Croce e delizia". Basta un niente e dalla magia ci si può ritrovare nella disillusione e nel dolore. Può succedere in amore. Può succedere nell’amicizia. Può succedere con i nostri sogni più profondi e ferventi.

Comunque sia, la cosa migliore non è “credere negli uomini” (quelli, verosimilmente, sbagliano e sbaglieranno sempre), ma “nell’idea”. E l’idea è anche quella di un Papa che sta provando, comunque, a cambiare la chiesa, anche dimostrando tutta la sua fragilità. Un uomo tra gli uomini, anche se vestito di bianco.

Auguro ad entrambi di dimenticare presto l’accaduto. Ancor di più auguro loro di rivedersi presto e di perdonarsi a vicenda sulla scorta di un grandissimo abbraccio, perché questo mondo non ha bisogno di mura, ma di ponti sempre più lunghi e sempre più resistenti: sbagliare, è umano...

LogoV

Il "laboratorio" politico e sociale per una nuova stagione di idee...

Seguici anche su

facebook         twitter

Contatti

Acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.Lgs. 196/03