Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

 

 

 

 

Testata



Accedi  \/ 

Collegati al tuo Account

E' TEMPO PER GLI

E' TEMPO PER GLI "EROI"...

Il nostro Paese è sempre stato lacerato, e profondamente, purtroppo, dalle più varie contrapposizioni, sia tra gli individui singolarmente dati, che tra i relativi gruppi di appartenenza. Fascino...

OLTRE IL DESERTO...

OLTRE IL DESERTO...

E' proprio brutta l'attuale fase politica... Per la verità lo è da diversi anni, ma "oggi", dalle ultime elezioni politiche, insomma, mi sembra tutto molto più assurdo ed inaccettabile. Ogni...

L'INACCETTABILITA' DEL

L'INACCETTABILITA' DEL "FINE PROCESSO MAI!"

“Ad ogni azione corrisponderà sempre una reazione”. Ad ogni forma, ad ogni volizione, ad ogni atto sostanziante, espressione dell’esercizio di un potere, pubblico o privato che esso sia,...

LA BUONA DESTRA DI FILIPPO ROSSI. UNA RIFLESSIONE...

LA BUONA DESTRA DI FILIPPO ROSSI. UNA RIFLESSIONE...

Oggi farò una cosa del tutto nuova per me: vi "parlerò" dell'ultimo libro scritta da Filippo Rossi. Una premessa è obbligatoria! È difficile, è complicatissimo scrivere e parlare di un libro...

CIO' CHE MANCA...

manifestazione-salvini-meloni-montecitorio-17La politica, i politici, hanno agito ed agiranno sempre allo stesso modo. Difficilmente seguiranno metodologie diverse rispetto al "vivere alla giornata"; del "vivere il momento".

L'esito elettorale di ieri, ancorchè meramente amministrativo, ha dimostrato che grillini e piddini sono in caduta libera; che Forza Italia è in calo costante; che Salvini ha conservato un certo bacino elettorale (sempre più prossimo al 40%) e che FdI ha incrementato i propri consensi.

Il "gioco" di Salvini è chiaro da un bel pezzo: conquistare il quorum di consensi necessario a poter governare da solo. La Meloni e Berlusconi sarebbero delle mere "ruote di scorta" di un progetto di governo ad unica trazione, insomma. Non ho idea se Salvini riuscirà o meno nel suo intento.

Penso soltanto che le "due ruote di scorta" dovrebbero prenderne atto, che lo dovrebbero tener presente e che dovrebbero organizzarsi diversamente ed in velocità, perché se la Lega dovesse arrivare da sola a conquistarsi il "quorum di governo", immagino che nessun ruolo verrebbe mai assegnato ai due minoritari compagni di viaggio di un progetto che soltanto loro continuano ad identificare, a chiamare come centrodestra, mentre "mister felpetta" lo ha già ribattezzato come la "coalizione degli Italiani", invece...

In una colazione, la dimensione plurale è sempre un fattore necessario, proprio come la conseguente esigenza di una sintesi, sia valoriale che programmatica.

Nell'area alternativa alla sinistre manca un soggetto destro-liberale capace di inserirsi seriamente nello "schema" ridando spinta programmattrica e rappresentativa anche ad idee diverse dal sovranismo, dal populismo e dall' antieuropeismo "da pagnotta", così "richiamando" alle urne anche chi, non sentendosi più rappresentato, evita, sempre più sistematicamente, di andare a votare, e da tanto, troppo tempo, oramai.

Non ho idea se accadrà. Non riesco ad immaginare nemmeno chi potrebbe riuscirci. Immagino che continuerà ad essere fervente la spinta verso il centro, invece; un centro che, forse, proverà a farsi carico di idee, valori ed aspettative allo stato dilaniate da visioni grevi e che, molto probabilmente, attirano consensi soltanto per evidente incapacità dei competitor che si stanno alternando, di volta in volta, al governo del Paese.

Già, il governo del Paese... Oggi come oggi, è tutto sempre più fugace, transuente e dannatamente fluido.

Il consenso va e viene "come se niente fosse". Forse, il tempo di ridare alla politica, ed all'impegno personale di ciascuno, una spinta propulsiva, programmatica e valoriale capace di durare molto più della vita di un hashtag, sarebbe più che necessario, perché governare un Paese rimarrà, sempre, una delle sfide più ardue che ci si possa mai dare.

Ogni tanto, guardare indietro per attingere dalla "lezione dei Padri", non sarebbe male. Visioni proiettate nel tempo, ma, anche, arditamente ancorate al presente...

LogoV

Il "laboratorio" politico e sociale per una nuova stagione di idee...

Seguici anche su

facebook         twitter

Contatti

Acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.Lgs. 196/03