Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

 

 

 

 

Testata



Accedi  \/ 

Collegati al tuo Account

E' TEMPO PER GLI

E' TEMPO PER GLI "EROI"...

Il nostro Paese è sempre stato lacerato, e profondamente, purtroppo, dalle più varie contrapposizioni, sia tra gli individui singolarmente dati, che tra i relativi gruppi di appartenenza. Fascino...

OLTRE IL DESERTO...

OLTRE IL DESERTO...

E' proprio brutta l'attuale fase politica... Per la verità lo è da diversi anni, ma "oggi", dalle ultime elezioni politiche, insomma, mi sembra tutto molto più assurdo ed inaccettabile. Ogni...

L'INACCETTABILITA' DEL

L'INACCETTABILITA' DEL "FINE PROCESSO MAI!"

“Ad ogni azione corrisponderà sempre una reazione”. Ad ogni forma, ad ogni volizione, ad ogni atto sostanziante, espressione dell’esercizio di un potere, pubblico o privato che esso sia,...

LA BUONA DESTRA DI FILIPPO ROSSI. UNA RIFLESSIONE...

LA BUONA DESTRA DI FILIPPO ROSSI. UNA RIFLESSIONE...

Oggi farò una cosa del tutto nuova per me: vi "parlerò" dell'ultimo libro scritta da Filippo Rossi. Una premessa è obbligatoria! È difficile, è complicatissimo scrivere e parlare di un libro...

FACCIAMOLO BENE, PERO'...

nodi2Con la “rincorsa verso il centro”, sta sempre più ritornando di moda parlare di Cristianesimo, di Cristianità e della cultura che dovrebbe attingere, che dovrebbe ispirarsi al Vangelo per riscrivere pagine di “amore” e di “misericordia”.

Si, ma di quale amore stiamo parlando? A quale misericordia si allude? A quella che giubila per gli spot dei porti chiusi o dell’invito a sparare ai barconi degli immigrati che cercano rifugio e speranza in Europa? A quella della triade “Signore, Patria e Famiglia per negare pari dignità a tutto ciò che ne rappresenta cultura, visione e bisogno, anzi, bisogni alternativi?

Se proprio il riferimento fosse necessario, io parlerei di “misericordia” in senso ampio e nobile. Di accettazione e di doveroso riconoscimento della pari dignità per tutto ciò che possa essere considerato - che sia, anzi - espressione dell’uomo, dei suoi bisogni e delle sue necessità.

Non si possono costringere le persone a vivere secondo uno schema fisso e predeterminato additando come il male assoluto tutto ciò che vi si allontani.

Non si possono piegare le vite delle persone, le loro sofferenze, il loro dolore (come avviene per i malati terminali, per esempio) e le loro stesse speranze, ad un unico modello e paramento di “giudizio”.

Anzi, che a giudicare siano i preti ed i giudici: l’uomo sia incarnazione e latore di valutazioni serene, armoniose, laiche e di rispettosa libertà!

Se la virtù riposa nel giusto mezzo tra due estremi, e allora essa riposerà anche, e soprattutto, nella rivoluzionaria sfida sottesa al raggiungimento del miglior equilibrio possibile tra tutto ciò che è politicamente, sia “corretto” che “scorretto”.

Le parole sono espressione dei concetti e delle idee. Le parole sono lo strumento per trasmettere sogni e speranze. Il mondo va avanti: costringerlo nei meandri di una lettura monocorde sarebbe, è, e sarà sempre, il peggiore degli errori...


LogoV

Il "laboratorio" politico e sociale per una nuova stagione di idee...

Seguici anche su

facebook         twitter

Contatti

Acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.Lgs. 196/03