Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

 

 

 

 

Testata



Accedi  \/ 

Collegati al tuo Account

FACCIAMOLO BENE, PERO'...

FACCIAMOLO BENE, PERO'...

Con la “rincorsa verso il centro”, sta sempre più ritornando di moda parlare di Cristianesimo, di Cristianità e della cultura che dovrebbe attingere, che dovrebbe ispirarsi al Vangelo per...

ALMENO LEI, CI PROVA!

ALMENO LEI, CI PROVA!

"L'evidente speranza di Renzi è quella di una implosione di Forza Italia: io invece continuo a sperare e a lavorare affinché il partito abbia l'intelligenza, l'energia e il coraggio di conservare...

BISOGNERA' FARCI

BISOGNERA' FARCI "I CONTI"...

Per curiosità, per capire meglio cosa stia accadendo, via web ho ascoltato l’intervento conclusivo di Matteo Renzi alla Leopolda 10. Potrà piacere o meno. Potrà essere considerato un “bulletto”...

ANCORA TROPPO POCO...

ANCORA TROPPO POCO...

Non è stato un evento propriamente memorabile il confronto TV andato in scena ieri sera, a "Porta a Porta", tra Matteo Salvini e Matteo Renzi. Ai punti potrebbe dirsi che, quel confronto, l'ha...

UN GOVERNO DI SCOPO NON SAREBBE UNO SCANDALO...

Beppe Grillo“Salviamoci dai Barbari”. È con questo slogan con cui BeppeGrillo è intervenuto sull’attuale ”crisi di governo” per cercare di scongiurare le elezioni anticipate.

I “suoi” non hanno avuto problemi ad osannarlo e fino al punto da sostenere che, avendo governato con la Lega, ora sarebbero capaci di farlo anche con Belzebù…

Certi tatticismi è normale che ci siano: fanno parte della “naturale” dialettica di un sistema in cui è centrale il ruolo del Parlamento.

Forse, però, attesa l’assoluta esigenza di varare, prima, ed approvare, poi, la nuova “legge finanziaria” (anche per scongiurare l’ennesimo aumento IVA già programmato con le clausole di salvaguardia) e quella di avere una legge elettorale capace di dare “stabilità governativa” (la questione del numero dei parlamentari mi sembra più mera esigenza propagandistica che questione di effettiva sostanza, almeno in questa fase), un “governo di scopo” o “del Presidente” non sarebbero da scartare così sommariamente e così frettolosamente come stanno facendo in tanti, almeno “nell’immediatezza del fatto”…

Il PD, sul punto, è in fermento, vivendo le solite diatribe e contrapposizioni interne che - comunque - fanno di quel partito l’unica realtà con una effettiva dialettica tra le sue varie anime (perché - diciamocelo - nell’ultimo centrodestra non c’è mai stata, e nel M5S è sempre stata soltanto una finzione: ha sempre deciso e governato il relativo triumvirato).

Comunque sia, che qualche “barbaro” da combattere, in giro, ci sia, è palese, e non soltanto in chi vorrebbe le elezioni anticipate ma anche nel “lato” di chi governa un partito con un “triumvirato decidente”, ma non è evitando le elezioni che si darà la stura ad un diverso progetto politico, sia in termini di visione che di programmi.

Anzi, il più delle volte, i germogli di nuovi progetti “sono stati piantati” proprio in occasione delle competizioni elettorali.

Alla dialettica del Paese e dello stesso popolo servono una sinistra forte ed una destra parimenti credibile, seria, moderata, europeista, liberale e solidale; servono fervore e “grandi progetti”, grandi dimensioni valoriali e culturali: soltanto così sarà possibile far rinsavire chi è così accecato dal “giustizialismo di massa” (economico, processuale e di casta) da pensarsi come l’unica salvezza di un Paese che, a ben vedere, con misure scellerate, ed al di là della solita retorica, ha contribuito a mettere seriamente in ginocchio.

LogoV

Il "laboratorio" politico e sociale per una nuova stagione di idee...

Seguici anche su

facebook         twitter

Contatti

Acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.Lgs. 196/03