Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

 

 

 

 

Testata



Accedi  \/ 

Collegati al tuo Account

LA DESTRA NON E' RABBIA!

LA DESTRA NON E' RABBIA!

C’era una volta la destra... Quella dell'Identità Nazionale” e non del Nazionalismo. Quella dell'Europa del popoli” e non della “negazione terraiola”. Quella del confronto, dell'inclusione e non...

OLTRE IL PANTANO. AUTOREVOLEZZA E QUALITA'!

OLTRE IL PANTANO. AUTOREVOLEZZA E QUALITA'!

L'attuale fase politica è davvero molto brutta, greve, confusa ed "a momenti" addirittura ridicola. Si è soliti dire, ed insegnare, che il potere - almeno in certe forme di Stato - "si appartiene...

UNA SCELTA DI

UNA SCELTA DI "DIRITTO UNIVERSALE"...

Il provvedimento oggetto di queste brevi riflessioni – a suo tempo “alla base” di una polemica davvero molto forte tra i vari soggetti coinvolti – aveva colpito 200 famiglie che, non avendo...

CONTE: FIDUCIA

CONTE: FIDUCIA "A SCATOLA CHIUSA!"

In tutta onestà, il discorso programmatico del Presidente Conte (propedeutico al dibattito, prima, ed al voto di fiducia, poi) al Senato – e alludo sia a quello iniziale, che alla successiva...

OLTRE LA FINZIONE...

salvini-mattarella-di-maio-2Crisi di governo... Il Presidente Mattarella, col suo agire, ha rimarcato l’essenza del dettato Costituzionale in materia di formazione del Governo.

Ha sottolineato, cioè, che la questione non è rimessa, puramente e semplicemente, all’azione dei partiti, come se si trattasse di un mero affare privato, abbisognando, invece, dell’interazione organica e funzionale di più “momenti”.

Perfino quando ci siamo illusi di vivere in un “sistema maggioritario” era così.

La Costituzione è chiara, sia sul piano formale che avuto riguardo alla stessa prassi.

Per ambire a governare un Paese, per ambire ad essere “classe dirigente”, certe cose bisognerebbe capirle ed accettarle: “l’ammuina” fine a se stessa o, peggio ancora, asservita al proprio tornaconto, è pericolosa.

Gli attacchi in corso d’opera ai danni del nostro Presidente della Repubblica, sono molto più che vergognosi. Ritrovare la calma, ragionare, sforzarsi di capire, penso che sia la strada migliore per abbandonare quel sentiero dell’irrazionalità nel quale sembra essersi avventurata una parte del Paese. I segnali non sono positivi. Io ci crederò sempre, però...

Mi auguro che il centrodestra sappia ripensarsi e ristrutturarsi: al Paese servirebbe una ventata di aria fresca e nuova. Idee democraticamente incendiarie. Gli show andrebbero lasciati soltanto alle TV.

Giusto una “noticina finale”: se Di Maio e Salvini veramente avessero voluto governarlo il nostro Paese (peraltro, insieme), non si sarebbero impuntati sul nome di un Ministro. Averlo fatto ci dice molto più di quanto si pensi. Hanno preso in giro tutti, soprattutto i loro elettori, anche se a me, che l'ipotesi del governo “giallo-verde” non si sia materializzata, è stata cosa molto più che gradita. Ma questa, è un'altra storia...

LogoV

Il "laboratorio" politico e sociale per una nuova stagione di idee...

Seguici anche su

facebook         twitter

Contatti

Acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.Lgs. 196/03