Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

 

 

 

 

Testata



Accedi  \/ 

Collegati al tuo Account

CONTE: FIDUCIA

CONTE: FIDUCIA "A SCATOLA CHIUSA!"

In tutta onestà, il discorso programmatico del Presidente Conte (propedeutico al dibattito, prima, ed al voto di fiducia, poi) al Senato – e alludo sia a quello iniziale, che alla successiva...

LA PATRIA DI CHI LA AMA...

LA PATRIA DI CHI LA AMA...

Anche nel suo odierno "messaggio social" in merito al nuovo esecutivo, Berlusconi continua a dimostrare di avere le idee e le visioni migliori che, peraltro, esprime sempre con grande puntualità ed...

GIUBILARE

GIUBILARE "A SCATOLA CHIUSA" NON E' MAI BUONA COSA...

Gli ultimi due, tre mesi, hanno messo in evidenza che la società, forse, è cambiata parecchio, e, con essa, anche la politica. Fino a qualche anno fa, l’onore, la parola data, gli impegni assunti,...

QUANDO LA DESTRA, C'ERA...

QUANDO LA DESTRA, C'ERA...

“C’era una volta”, ma non così lontano nel tempo, per la verità (basterà far tornare indietro la lancetta della storia di appena 6, 7 anni) la Destra con cultura Governo e della legalità. Quella...

"SANREMO" ED I THE KOLORS. "GUAGLIU'", BRAVI!

The KolorsSANREMO. Festival della canzone Italiana – E' stato bello, ieri, rivedere Tullio De Piscopo sul palco di Sanremo: è stato come se un “pezzo” di Napoli, quello ricco di fantasia e bellezza, fosse stato messo bene in vista, ed a favore dell'Europa intera. Cose che ti riscaldano il cuore...

Oggettivamente parlando, ed al netto della “chiosa” introduttiva, doverosa e necessaria, il brano presentato al "Festival di Sanremo" dai The Kolors non è una delle loro “cose” migliori: quando scrivono in inglese rendono decisamente meglio.

Vederli su quel palco con la loro carica di energia, è stato - ed e! - bellissimo lo stesso, però... Ragazzi Campani perbene e “semplici”. Sono “andati a vendere” perfino le mozzarelle pur di comprarsi gli strumenti e coltivare la loro passione. Non si sono arresi!

La loro gioia di vivere “immersi nella luce” (anche quando fuori era solo “notte”) si percepisce dai particolarissimi colori che connota la loro musica, sempre “forte”, intensa, ed anche quando cede il passo alla “melodia intimistica” più profonda.

Quando vedo – e vedrò! – dei miei “concittadini” salire su un palco e ricevere il calore e gli applausi del pubblico, sarò sempre fiero di loro. La loro gioia, sarà anche (un po) la mia. Gli applausi rivolti a loro, li sentirò come rivolti, un po, anche a me. E da Napoletano verace mi emozionerò sempre, anche a rischio di passare per un coglione...

C’è sempre un legame profondo che ti lega alla tua terra ed alla “tua gente”, alle persone che ci vivono. E non te ne frega niente se trattasi di “indigeni” o di “cittadini acquisiti”: la cittadinanza, in fondo, è condivisione dello stesso legame e dello stesso amore per i medesimi posti, per le sue tradizioni, per la sua storia, per la sua grandezza ma anche per ciò che non va. Una determinata “terra” è si’ di chi ci è nato, ma soprattutto di chi la ama.

Chiusa la parentesi... Non ho idea se "questi ragazzi" vinceranno questo Festival. Non riesco nemmeno ad immaginare se riusciranno ad arrivare, almeno, nei primi tre posti, anche se penso di si.

Ma non è, e non sarà importante dove arriveranno "questa sera".

I The Kolors hanno portato su quel palco il sorriso e la grinta della parte sana di questa terra bellissima e dannata. Non me ne fregherà mai niente di chi li riterrà non all’altezza. Non si può piacere a tutti. La loro sfida, la stanno vincendo lo stesso, però! Bravi “guagliù...”

LogoV

Il "laboratorio" politico e sociale per una nuova stagione di idee...

Seguici anche su

facebook         twitter

Contatti

Acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.Lgs. 196/03