Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

 

 

 

 

Testata



Accedi  \/ 

Collegati al tuo Account

SCENA DEL CRIMINE E SOPRALLUOGO TECNICO. APPUNTI...

SCENA DEL CRIMINE E SOPRALLUOGO TECNICO. APPUNTI...

La scena del crimine è il luogo in cui è avvenuto un crimine ovvero nel quale possano essere, comunque, reperite le prove del delitto. Il sopralluogo tecnico è quel complesso di attività,...

NEUROSCIENZE E DIRITTO PENALE. UNA BREVE RIFLESSIONE...

NEUROSCIENZE E DIRITTO PENALE. UNA BREVE RIFLESSIONE...

Nell'esaminare il delicato rapporto intercorrente tra diritto penale e neuroscienze è fondamentale porsi – e rispondere ad – alcuni quesiti di “natura preliminare”. Cosa c'è di umano nella mente?...

"MATTEO 1", "MATTEO 2" ED IL "RE SOLE"...

L’incarico di formare il nuovo esecutivo conferito qualche giorno fa dal Presidente Mattarella al Prof. Mario Draghi ha, di fatto, rimescolato tutte le “carte in tavola”. L’autorevolezza del...

GRAZIE DI TUTTO, DIEGO...

GRAZIE DI TUTTO, DIEGO...

Diego Armando Maradona, il più grande calciatore di tutti i tempi, non c'è più... Non è stata la prima volta, purtroppo, in cui ho avuto modo di leggere e di sentire che Maradona non sarebbe stato...

SINTESI DA "MEZZE CALZETTE"!

UrsulaIeri, per l’Europa, e per tutti i Paesi che ne fanno parte, è stata una giornata “idealmente importante”.

Per la prima volta nella storia dell’Unione, invero, si è ipotizzata un’applicazione “massiccia” e significativa del principio di solidarietà.

Per ora, trattasi soltanto un’ipotesi, ovviamente, perché la decisione definitiva sui Recovery Fund è ancora al di là da venire.

Comunque sia, giusto due notazioni.

La prima. La Von der Leyen ha proposto un piano da 750 miliardi raccolti sulla scorta dell’emissione di bond che andranno spesi attraverso programmi europei: all’Italia dovrebbe andrebbe la fetta più grande, nella specie 172,7 miliardi, di cui 81,8 a fondo perduto.

La seconda. Le solite sintesi sommarie e fuorvianti consumate, sia dai politici che dai canali di informazione, hanno dimostrato, ancora una volta, quanto sia sempre più basso il livello di comunicazione raggiunto degli attuali attori, sia politici che di informazione.

Titoli del tipo, “Europa 1, Sovranisti 0”, ovvero, ancora, “ha vinto Conte”, sono la prova provata che si vive di confusione e di perenni mistificazioni, e da tutti i punti di vista.

Comunque sia... A tempo debito sapremo se quel piano diventerà effettivo ed in che termini e con quali modalità.

Nessun piano, però, sarà mai, veramente efficace se l’operato interno ai singoli Stati dell’Unione non sarà di qualità. Nel caso, l’Italia sarà finalmente in grado di spendere quella liquidità in modo efficace ed efficiente o ci saranno i soliti ritardo e le altrettanto, solite perdite?

Il nostro, è un Paese sempre più malato di burocrazia e di frivola gestione della comunicazione. Speriamo che, almeno questa volta, le cose vadano meglio, perché le difficoltà del Paese e del Popolo sono reali e quella a cui sarà chiamata l’intero sistema sarà una prova fondamentale, sia dal punto di vista economico che avuto riguardo alla dimensione squisitamente politica...

LogoV

Il "laboratorio" politico e sociale per una nuova stagione di idee...

Seguici anche su

facebook         twitter

Contatti

Acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.Lgs. 196/03