Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

 

 

 

 

Testata



Accedi  \/ 

Collegati al tuo Account

"PECORE" E "PECORONI"...

Diciamoci la verità: la battaglia culturale è stata persa ed anche il senso civico, oramai, non esiste proprio più... In giro, insomma, anche nei luoghi “chiusi”, anche nei bar, nei negozi di...

"BLA, BLA, BLA..."

E così, anche oggi, Giuseppe Conte ha consumato l’ennesima promozione elettorale, quella rigorosamente camuffata da conferenza stampa, da ennesimo “messaggio alla Nazione”. Personalmente, l’ho...

PER IL RESTO EVVIVA L'ITALIA, OVUNQUE E COMUNQUE...

PER IL RESTO EVVIVA L'ITALIA, OVUNQUE E COMUNQUE...

Oggi, a Codogno come a Roma, così come in diverse, altre città d’Italia, vuoi per commemorare la Repubblica, vuoi per protestare contro l’attuale esecutivo, si sono verificati assembramenti a...

SINTESI DA

SINTESI DA "MEZZE CALZETTE"!

Ieri, per l’Europa, e per tutti i Paesi che ne fanno parte, è stata una giornata “idealmente importante”. Per la prima volta nella storia dell’Unione, invero, si è ipotizzata un’applicazione...

L'INACCETTABILITA' DEL "FINE PROCESSO MAI!"

tribunale“Ad ogni azione corrisponderà sempre una reazione”. Ad ogni forma, ad ogni volizione, ad ogni atto sostanziante, espressione dell’esercizio di un potere, pubblico o privato che esso sia, corrisponderà, sempre, una conseguenza; corrisponderà, sempre, una modificazione della realtà sensibile o di una determinata condizione giuridica soggettiva. Esercitarlo in carenza dei presupposti di legge e, quindi, in una dimensione di carenza (o di abuso, di eccesso) di potere, sarà, sempre, uno dei crimini più indegni che si possano commettere, e sia da parte di chi dovrebbe “incarnare” la volontà dello Stato, sia da parte di chi, contro quello stesso Stato, si ponga - o ipotizzi di farlo - in termini antinomici ed illegalmente concorrenziali...

L’uso distorto della carcerazione preventiva, per esempio - e sin dalla notte dei tempi, purtroppo - sarà sempre la peggiore delle iatture, quasi quanto la condanna “sommaria”, superficiale, “distratta” o “politicamente” (e/o “socialmente) orientata” di un innocente...

Dal prossimo gennaio, allorquando, cioè - non intervenendo nessun atto normativo modificativo ovvero interruttivo - si arriverà, nella “terra delle Dodici Tavole”, della Codificazione Giustinianea, “dei Delitti e delle pene”, a veder consumata, dopo l’epilogo del primo grado di giudizio (penale), l’inefficacia di qualsivoglia termine prescrizionale, il sistema diventerà ancora più disarmante.

Come sia stato possibile arrivare a concepire una cosa del genere, come sia stato possibile, per M5S e Lega, anche solo ipotizzarla una tale assurdità, non è dato, né saperlo, né capirlo...

L’esigenza di uno Stato efficace ed efficiente, anche dal punto di vista dall’amministrazione della giustizia, postula l’esistenza di regole certe, da un lato, e di un apparato effettivamente degno dei compiti “suoi propri”, dall’altro: ipotizzare l’assoluto ed incondizionato potere dello Stato di poter “perseguire” un presunto innocente (perché, anche dopo un’eventuale condanna di primo grado, sempre di quello si tratterebbe, e si tratta!) quando gli verrà più comodo farlo, e senza che a quella pretesa sia posto alcun argine temporale, dovrebbe far rabbrividire chiunque, anche il più ottuso, anche il più sciacallo, anche il più indegno degli esseri umani, e invece...

Se il decorso del tempo consolida, ed in certi casi addirittura produce “l’insorgenza”, la “nascita” di diritti soggettivi (come l’acquisto, a titolo originario, del diritto di proprietà per usucapione, per esempio), a quello stesso “scorrere ininterrotto del giorno e della notte” per un determinato lasso temporale ritualmente “convenuto”, dovrà continuare a ricollegarsi, necessariamente, la decadenza di tutti i diritti e facoltà, soprattutto processuali, temporalmente (e doverosamente) condizionati.

In uno Stato di diritto nessuno può essere legibus solutus, nemmeno lo Stato, ed ancor di più allorché si tratti di determinare la colpevolezza o meno di una persona.

LogoV

Il "laboratorio" politico e sociale per una nuova stagione di idee...

Seguici anche su

facebook         twitter

Contatti

Acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.Lgs. 196/03