Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

 

 

 

 

Testata



Accedi  \/ 

Collegati al tuo Account

MATTARELLA PREMI ANCHE GIBBONI, GADJIEV ED ARMELLINI...

MATTARELLA PREMI ANCHE GIBBONI, GADJIEV ED ARMELLINI...

Il Presidente Mattarella dovrebbe invitare (e premiare) al Quirinale anche Giuseppe Gibboni, vincitore del Premio Paganini, ed Alessando Gadjiev ed Eleonora Armellini, arrivati, rispettivamente,...

DA SALERNO, IL

DA SALERNO, IL "NUOVO PAGANINI"...

GENOVA, 26 ottobre 2021... Dopo 24 anni, il Premio Paganini, il primo posto del Concorso Internazionale per violino dedicato al nostro virtuoso più famoso della storia, è tornato nelle mani di un...

LA XVIII EDIZIONE DELLO

LA XVIII EDIZIONE DELLO "CHOPIN" DI VARSAVIA...

Anno 2021... 18° Edizione del Concorso Pianistico Internazionale "Chopin" di Varsavia. Ha vinto il 24enne canadese Bruce (Xiaoyu) Lii... All'esito di un attento esame della performance di questo...

TROPPA

TROPPA "RICHIESTA DI STATO"!

L’ultima settimana è stata caratterizzata da molteplici occasioni di “scontro” (ma, anche, di pregnanti riflessioni) sui rapporti tra la politica e la storia; tra la nostra società e tutto quello...

IO, "SCUSATE", MA SONO DIFFERENTE!

a4c2be3798ed1349e5290928a9ac9542La "diversità" culturale, etnica, sessuale o religiosa che diventi fonte di violenza, "limitazione" o morte, è l'incontrovertibile evidenza di un "razzismo all'incontrario", becero, fuorviante e inaccettabile. Una limitazione delle libertà fondamentali e una palese contraddizione rispetto a qualsivoglia istanza di "tolleranza" o integrazione storicamente o empiricamente data. Non si può invocare tolleranza ed "accettazione" per sé stessi per poi negarle agli altri e fino al punto di diventare "violenza" o morte per chi la pensi diversamente.

La violenza, l'arbitrio e la prevaricazione sono tutti fenomeni inaccettabili e lo stesso occidente dovrebbe darsi contegni diversi. Dove c'e' prevaricazione o dove si porta la morte si ha il dovere morale, politico ed anche “etico” di intervenire.

L'ISIS, il fondamentalismo islamico, il terrorismo “orientale”, chiamatelo pure come volete, è molto più di un mero fatto prevalentemente esogeno e sta portando attacchi ben più devastanti di quanto si dica o si possa pensare: chi uccide in nome di motivazioni assurde non merita né comprensione, né perdono, né seconde chance e l'occidente dovrebbe fare ben altro rispetto al "mero" medicarsi le ferite.

Thomas Friedman assumeva che “se vogliamo andare in giro per il mondo a schiacciare terroristi da Kabul a Manila, sarà meglio che ci assicuriamo di essere sempre i migliori cittadini e il migliore Paese possibile. Altrimenti lo perderemo, il resto del mondo!”

Sarà, ma se “il tutto” diventa motivo di "relativismo" etico o d'azione e fino al punto di annullare qualsivoglia, legale reazione, l'assunto proprio non può essere considerato. Un distinguo ci vuole: è necessario.

Personalmente ritengo che tutto ciò che fuoriesca dall'animo umano per diventare violenza, intolleranza bieca, cieca o addirittura morte, vada represso, senza se e senza ma perché se "tolleranza" vuol dire dover accettare supinamente l'altrui "diversità" fino al punto di dover finanche tacere per timore di perdere sostanziale libertà o la stessa vita; se vuol dire dover chiedere "il permesso" di pensarla diversamente; se significa compromettere la libertà di dire che non si é d'accordo, ergersi a "sentinell", a baluardi culturali di valori storicamente dati e della stessa cultura occidentale, diventa molto più di una mera erudizione e/o speculazione culturale e sostanzia l'in sé specifico di una destra autenticamente occidentale.

Se proprio volete, siate pure buonisti e "tolleranti ad ogni costo". Io, "scusate", ma sono differente...

LogoV

Il "laboratorio" politico e sociale per una nuova stagione di idee...

Seguici anche su

facebook         twitter

Contatti

Acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.Lgs. 196/03