Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

IL GOVERNO RENZI E' "TOSSICO"...

20140514 69755 30Ennesimo voto di fiducia anche il DL Lorenzin sulle sostanze stupefacenti è diventato Legge.

Per il “piccolo spaccio”, il testo definitivamente approvato al Senato ha sancito una riduzione di pena a 4 anni con la conseguenza che, per i reati di che trattasi, è stata sostanzialmente esclusa la reclusione in carcere.

Peraltro nella norma in parola non si distingue tra droghe leggere e droghe pesanti, pertanto sarà compito del giudice graduare l'entità della pena in base alla qualità ed alla quantità della sostanza venduta. In ogni caso, il testo definitivamente approvato dal Parlamento, nell'andare a colmare il vuoto creato dalla “bocciatura” della legge Fini-Giovanardi, ha ripristinato le tabelle con la conseguente suddivisione degli stupefacenti in base agli effetti.

La marijuana di origine naturale è stata inserita nella tabella due, quindi tra le droghe leggere, mentre quella sintetica è stata inserita in quella numero tabella uno, insieme a cocaina, eroina e anfetamine.
Insomma, gli emendamenti presentati da Forza Italia, tesi a non distinguere tra droghe leggere e pesanti per quanto riguarda il consumo, non hanno avuto fortuna.

Sarà, invece, il Governo, «ad effettuare una ricerca scientifica sulla cannabis arricchita, per verificare se procuri gli stessi danni, e dunque vada inserita nella stessa, rispetto alla cannabis sintetica».
Altra novità è la reintroduzione dei lavori di pubblica utilità nel caso di condanna, nonchè la riduzione di sanzioni per l'uso personale.
Un testo pessimo e deludente, insomma! L'ennesimo atto a trazione elettorale; l'ennesima abiura di un sistema di valori che non dovrebbe mai essere revocato in dubbio...