Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

 

 

 

 

Testata



Accedi  \/ 

Collegati al tuo Account

TROPPA

TROPPA "RICHIESTA DI STATO"!

L’ultima settimana è stata caratterizzata da molteplici occasioni di “scontro” (ma, anche, di pregnanti riflessioni) sui rapporti tra la politica e la storia; tra la nostra società e tutto quello...

E' STATO UN ERRORE ENORME AVER RINNEGATO FINI ED AN...

E' STATO UN ERRORE ENORME AVER RINNEGATO FINI ED AN...

I fatti degli ultimi giorni hanno dimostrato quanto sia stato grave, da parte dell'attuale destra, l'aver rinnegato, sia il "lavoro" svolto negli anni da Gianfranco Fini (col M.S.I., prima, e con...

PIU' CHE CONTRASTARLO, IL CENTRODESTRA BISOGNEREBBE MIGLIORARLO...

PIU' CHE CONTRASTARLO, IL CENTRODESTRA BISOGNEREBBE MIGLIORARLO...

Gli accadimenti degli ultimi giorni, con tutte le contrapposizioni politiche che ne sono derivate, hanno dimostrato quanto sia necessaria una pregnante rivisitazione critica dei rapporti tra le...

UN SOGNO ANCORA POSSIBILE

UN SOGNO ANCORA POSSIBILE

(di Fausto Longo) - Qualcuno ci aveva regalato una Destra di Governo. Una destra conservatrice e futurista, progressista e sociale, pluralista ed europea. Qualcuno ci aveva regalato la...

Politica Nazionale

GUERRA, DEMOCRAZIA E NECESSITA'...

Listener(di Mirko Vacca) - Due giorni fa, 14 febbraio 2014, la città di Sirte, porto e porta strategica della Libia sul Mediterraneo, è caduta nelle mani del Califfato Islamico, ISIS. E' un episodio gravissimo, e soprattutto una minaccia vera e seria verso la Repubblica Italiana.

Facciamo il punto della situazione: ci ricordiamo tutti che nel 2011 (l'anno sfortunato per eccellenza, visto e considerato che tutto ciò che accadde in quell'anno, si sta ripercuotendo ancora oggi contro la ''povera'' Italia), scoppiò una rivolta in Libia. Il colonnello Gheddafi si preparava a soffocarla e ristabilire l'ordine, ma questa volta trovò l'opposizione di Obama e degli USA, di Sarkozy e della Francia, della Merkel e della Germania.

Queste tre grandi Potenze sono state mosse da interessi personali, l'America desiderosa di ''esportare democrazia'', e soprattutto (...)

Continua...

"FARLA FINITA" E' UN DIRITTO!

farla finita è un dirittoEsistono argomenti che sono davvero difficilissimi da affrontare, soprattutto quando le “pretese naturali” alla dignità e alla libera determinazione della coscienza individuale entrano in conflitto con la pseudo-morale collettiva: le antinomie e le contraddizioni diventano pregnanti ed articolate, sempre in bilico tra il “politicamente corretto” - in quanto tale, privo di ogni effettiva dignità speculativa - e l'esigenza di consumare fino in fondo quella rivoluzione copernicana che, sebbene sia storicamente datata, non sempre ha (...)

Continua...

FEDE "INFEDELE"...

La fede infedeleNessuna “fede”, nessuna credenza e nessuna ideologia potranno mai giustificare una loro pratica che li veda diventare violenza, sopraffazione e barbarie. Dovrebbe essere un principio “elementare”, evidente, scontato, eppure non lo è!

L'ISIS sta sfidando ogni regola possibile e sta colpendo a morte, non soltanto i valori profondi dell'occidente, ma l'essenza stessa dell'umanità perché, al di là del colore della pelle, delle tendenze sessuali, del proprio credo religioso e della (...)

Continua...

SIT-IN: "SCEGLIAMOCI LA REPUBBLICA!"

quirinale-11219255fa2“Scegliamoci la Repubblica!” E' questo uno dei messaggi e delle finalità che sono alla base del sit-in organizzato dal Movimento Politico “Rete Liberale” previsto a Roma per il prossimo 30 gennaio.

Fino a qualche giorno fa, scrivere una frase del genere sarebbe sembrato soltanto l'ennesimo slogan "d'occasione"; il disperato sussulto di un sogno irrealizzabile; la mera speranza di un'area che da anni cerca di sospingere un cambiamento inevitabile quanto necessario; la declinazione (...)

Continua...

IO, "SCUSATE", MA SONO DIFFERENTE!

a4c2be3798ed1349e5290928a9ac9542La "diversità" culturale, etnica, sessuale o religiosa che diventi fonte di violenza, "limitazione" o morte, è l'incontrovertibile evidenza di un "razzismo all'incontrario", becero, fuorviante e inaccettabile. Una limitazione delle libertà fondamentali e una palese contraddizione rispetto a qualsivoglia istanza di "tolleranza" o integrazione storicamente o empiricamente data.

Non si può invocare tolleranza ed "accettazione" per sé stessi per poi negarle agli altri e fino al punto di diventare "violenza" o morte per chi la pensi diversamente. La violenza, l'arbitrio e la prevaricazione sono tutti fenomeni (...)

Continua...

UN'IPOTESI DI SEMIPRESIDENZIALISMO...

Il Quirinale(di Mirko Vacca) - Da oltre vent’anni a questa parte, varie forze politiche si perdono in chiacchiere su un tema importante e cardine come quello delle Riforme Costituzionali: legge elettorale, Titolo V, Federalismo, ecc.

La nostra Carta Costituzionale, come tutti sappiamo, è nata come patto, come compromesso tra quelle forze politiche che si erano opposte al regime fascista, e che quindi intendevano concedere un pacchetto di diritti di libertà sociali e (...)

Continua...

LogoV

Il "laboratorio" politico e sociale per una nuova stagione di idee...

Seguici anche su

facebook         twitter

Contatti

Acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.Lgs. 196/03