Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

OLTRE "LO STECCATO"!

variant-med 1200x630-obj21200701(di Fausto G. Longo) - Capita spesso di ripensare ai manifesti e agli slogan che capeggiavano sui muri della vecchia sezione del Fronte della Gioventù prima e di Azione Giovani dopo.

Eravamo giovani e ribelli, soprattutto contro le posizioni del partito.

Alleanza Nazionale ha cambiato tutto.

Gianfranco Fini ha tranciato definitivamente il cordone ombelicale con il MSI e la sua origine. Il mondo è andato avanti, che senso ha nel terzo millennio parlare ancora di Fascismo o Comunismo?

La Destra deve continuare a crescere, senza indugiare sulle posizioni. D'altronde, la Meloni viene da AN, per cui il nostalgismo non le appartiene, così come non appartiene a tutti noi che, da Alleanza Nazionale, abbiamo attraversato tutta la cronaca politica di questi vent'anni.

Non so se uno stato democratico possa sciogliere o meno un partito, tuttavia se ad una Repubblica di 60 milioni di abitanti fa paura un movimento che conta lo 0,5% dei consensi elettorali, allora è una Repubblica debole e impaurita. E, lo spauracchio dell'Antifascismo rischia di far prendere decisioni Fasciste ad un Parlamento che sventola l'Antifascismo finanche contro quelle forze politiche che si dichiarano Democratiche.

Neanche il Partito Comunista ebbe mai “in mente” di sciogliere il Movimento Sociale Italiano; anzi, spesso si superavano sulle posizioni da assumere.

Fatto sta che una Destra di Governo non deve avere nessun dubbio sugli estremismi. E non deve avere dubbi sul percorso della Pacificazione Nazionale a patto che anche chi sta dall'altra parte sia disposto a fare un passo verso l'altro.