Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

 

 

 

 

Testata



Accedi  \/ 

Collegati al tuo Account

"HO CREDUTO IN HITLER!"

(Di Daniele Capezzone) - Gianmarco Pondrano Altavilla è il presidente del Centro Salvemini. Da storico coraggioso e sensibile, non ha paura di maneggiare materiale incandescente: anzi, a maggior...

"NON CI SONO LE CONDIZIONI PER UN MIO IMPEGNO ELETTORALE IL 4 MARZO PROSSIMO".

(Di Daniele Capezzone) - Non ci sono le condizioni per un mio impegno elettorale il 4 marzo prossimo. “O staremo in piedi sui princìpi, o non staremo in piedi affatto”, disse la signora Thatcher....

"Energie PER L'Italia" - Programma di governo - Cap. 10. "PER un welfare sussidiario e una sanità efficiente"...

(A cura della Redazione - Fonte: sito di "Energie PER L'Italia") - «Noi crediamo che il principale motore del “bene comune” non sia lo Stato, ma la società e le sue articolazioni spontanee: imprese...

"Energie PER L'Italia" - Programma di Governo - Cap. 3. "PER la sicurezza delle nostre città"...

(A cura della Redazione - Fonte: sito di "Energie PER L'Italia) - «La prima forma di libertà di una persona e di una società è la sua sicurezza. Non possiamo dirci veramente liberi, se non ci...

"OVERLORD", CARLO NORDIO, E LA FORZA DELLA GRANDE STORIA...

overlord(di Daniele Capezzone) - Di Carlo Nordio si sa che è un magistrato capace e competente impegnato in alcune delle inchieste più rilevanti della vita pubblica italiana degli ultimi decenni. A suo merito c’è anche una coraggiosa riflessione pubblica sui temi della giustizia, lontanissima dagli approcci corporativi, e – a maggior ragione – dai conformismi manettari e giustizialisti. Ne sono testimonianza le sue reiterate prese di posizione controcorrente: a favore del superamento del “dogma italiano” dell’obbligatorietà dell’azione penale; a favore di una discussione laica e senza pregiudizi sulla separazione delle carriere tra magistrati inquirenti e giudicanti; contro un allungamento senza limiti della prescrizione; contro l’abuso delle intercettazioni.

Chi lo segue conosce anche una sua “seconda vita” di narratore originale e colto, capace di conciliare una minuziosa ricostruzione storica e un racconto vivo e coinvolgente. Gli accadde tre anni fa con “Operazione Grifone” (storia di una spia nazista), e gli è accaduto in modo a mio avviso ancora più felice con il recentissimo “Overlord”, pubblicato lo scorso aprile.

Il contesto in cui questo nuovo romanzo si colloca è la lunga e complessa preparazione dello sbarco alleato in Normandia nel 1944. Americani e inglesi non possono sbagliare, e la posta in gioco è altissima. Eisenhower e Churchill sanno che circa un milione di soldati tedeschi sono ammassati in Francia, pronti a contrattaccare. Le condizioni ambientali si annunciano estreme, ben più complicate degli sbarchi in Sicilia o a Salerno o ad Anzio. Non solo un eventuale fallimento dell’operazione, ma anche un suo rinvio potrebbe essere fatale, dando alla Germania i mesi di tempo necessari a predisporre nuove armi, a sferrare un attacco decisivo contro Londra, e a proseguire l’azione di sterminio e occupazione in Europa. Oppure (scenario alternativo, ma in prospettiva non meno inquietante) le difficoltà alleate potrebbero giovare alla Russia, per consentirle di battere i tedeschi ma di allungare la sua ombra minacciosa sull’intera Europa.

Ecco perché è decisivo scegliere il punto dove sbarcare, per cogliere di sorpresa i nazisti: Calais? Oppure la Bretagna? Oppure (come poi sarà) la Normandia? E soprattutto occorre condurre, in parallelo rispetto alla preparazione militare in senso stretto, una sofisticatissima partita a scacchi con l’intelligence tedesca, per depistare i nazisti sul luogo effettivamente prescelto.

libro-overlordIl racconto di Nordio parte da un drammatico incidente avvenuto proprio in questa sfibrante fase preparatoria. In una simulazione dello sbarco, a causa di un errore di comunicazione degli americani, i nazisti sono in grado di affondare due navi alleate. Il bilancio è drammatico: oltre 600 morti. Ma, tragedia nella tragedia, risultano dispersi anche dieci ufficiali americani a conoscenza degli effettivi piani di sbarco: alla fine risulteranno morti, tranne uno, Clarence Collins, che gli inglesi riusciranno a trarre in salvo, ma che i tedeschi credono ancora vivo, e quindi catturabile. A maggior ragione, inizia una caccia all’uomo da parte dei nazisti, che hanno nelle mani uno dei collaboratori di Collins: il soldato catturato non conosce e quindi non può rivelare i piani noti al suo superiore (il giovane invece li ignora), ma, sotto l’effetto delle droghe somministrategli dai tedeschi, conferma che il suo superiore sa tutto.

Gli inglesi, maestri di strategia e di tattica, decidono di trasformare questa potenziale sciagura in una opportunità. Scelgono dunque di incaricare un altro loro uomo di straordinarie qualità di fingersi Collins, di recitare la parte del disperso, e di consegnarsi come naufrago in Francia ai tedeschi. E il finto Collins farà egregiamente la sua parte, recitando il copione con astuzia e coraggio, e inducendo i tedeschi a credere che l’attacco avverrà a Calais.

Ma purtroppo, nel campo tedesco, rispetto alla brutalità della Gestapo, prevale la raffinatezza dei vertici dello spionaggio militare. E proprio un’abilissima spia nazista, a sua volta infiltrata nel campo inglese, riesce casualmente a comprendere che il finto Collins è – appunto – un impostore, e che l’indicazione di Calais è un clamoroso depistaggio.

Non svelo come la genialità inglese e l’abilità del finto Collins riusciranno a tirarsi fuori da tutto ciò, a sventare il pericolo, e a operare per la buona riuscita dell’operazione. Ma il racconto è davvero palpitante nel suo ritmo, e insieme accuratissimo nella ricostruzione storica.

Trama a parte, “Overlord” ci lascia con almeno tre importanti considerazioni a margine.

La prima è la motivatissima celebrazione di Churchill fatta da Nordio. Qui non siamo dinanzi al Churchill ruggente del 1940, dei grandi e magici discorsi contro i nazisti, ma ad un Churchill più stanco, inquieto sulle sorti della guerra, consapevole della centralità degli americani e del generale Eisenhower (vivissima ed efficace nel romanzo la descrizione un incontro tra i due). Eppure Nordio coglie un punto essenziale: la passione del Primo Ministro per spionaggio e controspionaggio, la sua intuizione di dare vita (accanto all’MI6) al Soe (Special Operations Executive), cioè ad un ulteriore servizio per infiltrare persone apparentemente “normali” nelle file nemiche, per preparare il terreno all’azione alleata nell’Europa occupata. Nordio è preciso nel descrivere la dialettica aspra tra i “professionisti” dell’MI6 e i “dilettanti” del Soe, e le pagine in cui descrive il dialogo appassionato, teso, ma carico di stima e fiducia reciproca, tra Churchill e i capi dei servizi sono davvero riuscitissime.

La seconda considerazione si lega alla mano felice con cui Nordio entra nell’orrore del mondo nazista, evitando la banalità di descriverlo come un monolite, ma cogliendone contraddizioni, conflitti, nuances, sfumature. Memorabili le pagine in cui l’autore descrive l’illustrazione delle strategie difensive naziste fatta a Hitler dai vertici militari, con le opinioni contrapposte di Rommel e Von Runstend. E felicissima è la descrizione del personaggio nobile e tragico del colonnello Von Gruber, figura di spicco dello spionaggio miliare nazista. Nordio ne coglie non solo la disillusione e il dissenso ormai radicale ed esistenziale verso il regime (Von Gruber ha saputo delle deportazioni e dei campi di sterminio): ma, perfino al di là di questo, l’autore ci ricorda che anche dalla parte sbagliata della storia possono esserci figure colte, intelligenti, umane, che il destino ha collocato su un fronte e non sull’altro.

La terza considerazione non sta direttamente nel romanzo di Nordio, ma è stimolata da questa lettura. Churchill e gli alleati hanno vinto contro l’incubo nazista non solo sul piano militare, ma anche perché hanno voluto e saputo coinvolgere l’opinione pubblica, perché hanno scommesso sulla consapevolezza e sul coinvolgimento popolare, perché hanno messo al centro valori e princìpi che hanno chiesto ai loro concittadini di difendere nelle ore più tragiche. Oggi le leadership occidentali, dinanzi al nazi-islamismo, sembrano fare il contrario: attenuare, smussare, negare la guerra in corso contro di noi, e perfino (pateticamente: è successo dopo Nizza e dopo Monaco) cercare di “medicalizzare” il problema, derubricandolo – in qualche misura – a una questione di psicolabili autoarruolatisi nell’estremismo islamista. Questo libro ci ricorda che nel 1940-45, per fortuna, non si fece così: si seppe guardare il male dritto negli occhi. E si vinse.

LogoV

Il "laboratorio" politico e sociale per una nuova stagione di idee...

Seguici anche su

facebook         twitter

Contatti

Acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.Lgs. 196/03